La storia è un bene pubblico

La memoria non è statica. La si può perdere, la si può ritrovare. La si può custodire e tramandare.

L’ARCHIVIO DELLA MEMORIA RITROVATA

La digitalizzazione di documenti scritti o sonori, di immagini e filmati, schiude prospettive nuove ed entusiasmanti al recupero, alla conservazione e alla trasmissione della memoria.

Come Sindacato dei pensionati della Cgil, siamo depositari di una grande e luminosa memoria, che è nostro dovere morale e culturale raccogliere e tramandare alle giovani generazioni. La storia è un bene pubblico, che va tutelato, valorizzato, diffuso, trasmesso.

Partendo da questa idea/valore, lo Spi Cgil della provincia di Foggia, assieme all’Auser provinciale, ha costituito l’Archivio della Memoria Ritrovata che ha lo scopo di produrre memoria attraverso il recupero, la sistemazione, la digitalizzazione e la condivisione di documenti di storia pubblica e di cultura materiale, con particolare riferimento alla storia del movimento bracciantile, contadino ed operaio della Capitanata e della Puglia.

Chiunque può contribuire ad arricchire l’archivio!  Basta collegarsi al sito web www.memoriaritrovata.it e cliccare sulla voce “Collaboratori” del menù superiore, e successivamente la voce “Registrati”. Oppure inviare una tua richiesta di candidatura, per ottenere le credenziali di login.

In questo modo potrà inviare, dal form predisposto della pagina “Inviaci le tue ‘Memorie’”, il materiale che ritiene possa essere interessante.

E’ il modo ideale, nel caso intenda contribuire con un singolo oggetto (può essere un’immagine, un video, un documento pdf, ecc.)  o con una raccolta o una collezione già digitalizzati.

Nel caso in cui fosse in possesso di foto, pellicole, libri o documenti cartacei, è sufficiente inviare una email, con nome e cognome e la descrizione del materiale in suo possesso, per essere contattato al più presto. Il suo nome comparirà, in qualità di contributore, su ciascun oggetto che verrà in seguito pubblicato. 

Share This
Hai bisogno di aiuto?