“C’ero anch’io su quel treno”

GIOVEDÌ 9 DICEMBRE 20121, LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI GIOVANNI RINALDI. CONVERSERÀ CON L’AUTORE GIANNI FORTE, SEGRETARIO REGIONALE SPI CGIL.

Scrittore, ricercatore di storie orali, fotografo e documentarista antropologico particolarmente attento alle vicende delle classi subalterne, Giovanni Rinaldi ha dedicato molta parte delle sue ricerche ad approfondire una grande e non molto conosciuta storia di solidarietà e impegno sociale del Dopoguerra: i cosiddetti “treni della felicità”.

Erano questi i convogli che trasportavano i bambini poveri del Sud verso il Centro Nord, dove sarebbero stati ospitati per un certo tempo da famiglie non sempre abbienti, ma desiderose di dare aiuto ed assistenza ai meno fortunati.

Per anni, Rinaldi ha rintracciato, ascoltato e intervistato i protagonisti di questa grande pagina di coesione e solidarietà quanto mai attuale, vista la persistenza del divario tra Nord e Sud e l’aggravamento della questione meridionale. Tante singole vicende che compongono il racconto corale di un’Italia veramente unita.

Le ricerche di Rinaldi sono state pubblicate nel libro “C’ero anche io su quel treno “ che verrà presentato giovedì 9 dicembre alle ore 17,00 nell’Auditorium della Camera del Lavoro, a Foggia, in via della Repubblica, 68. Il volume, pubblicato da Solferino, reca un sottotitolo quanto mai significativo: “La vera storia dei bambini che unirono l’Italia.” La manifestazione è promossa dallo Spi Cgil della provincia di Foggia, in collaborazione con l’Auser Territoriale. Dopo l’introduzione del giornalista Geppe Inserra, presidente dell’Auser, interverrà il segretario generale del sindacato dei pensionati della Cgil, Alfonso Ciampolillo. A conversare con Giovanni Rinaldi sarà Giovanni Forte, segretario generale SPI CGIL Puglia.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Hai bisogno di aiuto?